L'ora legale ci sta uccidendo?Secondo uno studio aumenterebbe il rischio di infarto!

L'ora legale accorcia la vita? Secondo un gruppo di attivisti americani, che si basano su uno studio condotto di recente in Michigan,
l'ora legale aumenta il rischio di infarto. Dunque gli attivisti si sono schierati per chiedere l'abolizione del cambio dell'ora, che avviene due volte all'anno anche in Italia.


Qualcuno potrebbe avere problemi di insonnia e difficoltà ad addormentarsi per via del cambio dell'ora, ma mai avremmo immaginato che il passaggio all'ora legale potesse aumentare il rischio di infarto.

Gli attivisti si basano su uno studio condotto dall'Università del Michigan, dove si sottolinea che il lunedì successivo al weekend del cambio dell'ora in primavera coincide con un aumento considerevole dei casi di infarto.

Si avrebbe circa il 25% di casi di infarto in più rispetto alla norma. Un dato che potrebbe essere davvero correlato all'ora legale? Probabilmente saranno necessari studi più approfonditi per confermarlo. Al momento pare che il rischio di infarto rimanga più elevato del solito anche per i quattro lunedì successivi al cambio dell'ora.

Gli esperti hanno preso in considerazione i pazienti ricoverati negli ospedali del Michigan tra il 2010 e il 2013 e hanno notato che il rischio di infarto diminuisce quando, con il cambio dell'ora autunnale e il passaggio dall'ora legale all'ora solare, si dorme un'ora in più.

Dormire un'ora in meno può essere davvero così dannoso per l'organismo? Il nostro corpo è guidato da ritmi molto delicati. Il cambio dell'ora potrebbe esserecausa di stress e, secondo gli esperti che hanno condotto lo studio, anche un cambiamento che può sembrare poco rilevante può avere un'azione negativa per l'organismo. Nel dubbio, cerchiamo di mantenere il nostro consueto numero di ore di sonno anche durante e dopo il cambio dell'ora, per evitare affaticamento e aumento dello stress.

Marta Albè

https://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/15928-ora-legale-infarto
stampa la pagina

Nessun commento:

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...